Replicant 2.2 preview 007

E’ stata rilasciata l’ultima versione di Replicant, l’android libero, disponibile per HTC Dream e Nexus One.

Cerchiamo come sempre nuove persone interessate a testare, sviluppare, contribuire.

Ricordo anche la disponibilita’ di un “market” completamente libero contenente solo app libere chiamato F-Droid e funzionante su qualsiasi dispositivo Android e Replicant.

E’ anche possibile segnalare applicazioni libere per l’inclusione in F-Droid.

Happy mobile hacking!

Posted in General | Tagged | Commenti disabilitati

Mura Nintendo prima che murino te

Il Nintendo 3DS ha una licenza di utilizzo che non dovrebbe essere accettata. Infatti le condizioni sono cosi’ incredibili che ne abbiamo incluso un riassunto piu’ dettagliato in una pagina a parte. Per far rispettare la licenza d’uso, Nintendo utilizza la Gestione delle Restrizioni Digitali (DRM). La combinazione di restrizioni tecnologiche e legali rende il Nintendo 3DS dubbio, subdolo e difettoso.
Una sezione particolarmente sgradevole della licenza minaccia che Nintendo rendera’ inutilizzabile il tuo dispositivo se usi il tuo 3DS in un modo che loro non approvano.Prima, sostengono che Nintendo “potrebbe aggiornare o modificare il sistema o il servizio 3DS in tutto o in parte, senza notificarti nulla, e piu’ avanti sostengono che in seguito all’aggiornamento qualsiasi modifica tecnica non autorizzata esistente o futura dell’hardware o software  del tuo Nintendo, o l’uso di un dispositivo non autorizzato in combinazione con il tuo sistema lo blocchera’ in maniera permanente.
Attivati.

Mura Nintendo prima che loro murino te.
Aiutaci a far arrivare il messaggio a Nintendo inviandogli un sacco di mattoni! Il nostro obiettivo e’ ordinare 200 mattoni entro il 16 Maggio.
Due modi per farlo:
Vai su http://defectivebydesign.org/brick-nintendo
per donare alla campagna e invieremo un mattone – o un interno sacco di mattoni – da parte tua insieme a una lettera (qui sotto).

Per favore effettua il tuo ordine entro Lunedi’ 16 Maggio cosi’ possiamo mandare i mattoni tutti insieme e avere maggiore impatto!
Oppure, ordina i mattoni da solo, assemblali, e poi inviali a Nintendoinsieme alla tua lettera personalizzata.

Posted in DefectiveByDesign | Commenti disabilitati

Il software libero ora supporta RAR v3

Uno dei progetti ad alta priorita’ di FSF e’ stato completato grazie all’autore di The Unarchiver:

http://www.fsf.org/blogs/licensing/free-rarv3-extraction

E’ disponibile software per gestire archivi in formato RAR versione 3.

LibrePlanet Italia ha contattato lo sviluppatore di FileRoller, la nota applicazione GNOME per la gestione degli archivi, che integrera’ il supporto a RAR v3 quanto prima.

Scrivi allo sviluppatore del tuo programma preferito di archiviazione e invitalo a supportare RARv3. Linka l’articolo qui sopra per tutti i dettagli.

ATTIVATI!
Scrivi un post sul tuo blog, condividi la notizia sui social network che frequenti, per email, su IRC.
Invita altre persone a condividere, a scrivere agli sviluppatori per diffondere rapidamente il supporto a questo formato nelle loro applicazioni.

IL SOFTWARE LIBERO SEI TU…

Posted in Software Libero | Tagged | Commenti disabilitati

Leo Babauta di Zen Habits su DRM e copyright

In occasione della Giornata Contro il DRM promossa da Free Software Foundation pubblichiamo l’intervista fatta da Graziano a Leo Babauta di Zenhabits.net.

Questa invece la traduzione italiana.

Passaparola! Condividi l’intervista sui social network, IRC, email, ecc.

Posted in DefectiveByDesign | Commenti disabilitati

4 Maggio – Giornata contro il DRM

Il 2011 e’ stato un brutto anno per il DRM. Sony sta usando azioni legali per molestare e intimidire individui che modificano le loro PS3. Le librerie stanno per essere rimpiazzate da compagnie come Amazon e Apple che cercano di controllare l’accesso ai libri e monitorare chi legge cosa e dove. Abbiamo bisogno di inviare un messaggio chiaro: No al DRM!
Liberati dai tuoi impegni per un’azione mondiale contro il DRM.
Mercoledi’ 4 Maggio agiremo per alzare la posta in gioco e aumentare la consapevolezza sulla Gestione delle Restrizioni Digitali (Digital Restrictions Management) — in un modo molto significativo!
Per favore prenditi un po’ di tempo Mercoledi’ per unirti a noi in questa occasione che capita una volta all’anno! Speriamo che lavorerai insieme a noi contro il DRM durante tutto l’anno ma coordinare eventi di persona e online in un giorno amplifica le nostre voci.
Leggi il blog per scoprire alcuni modi in cui puoi essere coinvolto:

http://www.defectivebydesign.org/2011-day-against-drm-action-ideas

Dai un’occhiata ai nostri banner “2011 Giornata contro il DRM” per il tuo sito o blog.

http://libreplanet.org/wiki/Group:DefectiveByDesign/Day_Against_DRM_2011/Banners_guide

Posted in DefectiveByDesign | Commenti disabilitati

computer con GNU/Linux preinstallato: ZaReason e Trisquel

ZaReason, una delle tre compagnie americane piu’ famose che vendono computer con GNU/Linux, preinstallera’ Trisquel sulle proprie macchine dall’anno prossimo.
Sara’ cosi’ possibile acquistare portatili con chipset wireless  libero Atheros (wifi 802.11 N),  Trisquel preinstallata con tastiera (solo americana) senza il malefico logo di windows.
Il bios purtroppo per ora resta proprietario ma ZaReason ha manifestato l’intenzione di voler lavorare per liberarlo in futuro.
Trisquel e’ una distribuzione completamente libera sponsorizzata da Free Software Foundation e basata su Ubuntu.

Posted in hardware | 1 Comment

FSF annuncia criteri per sponsorizzazione hardware

La FSF annuncia i criteri per sponsorizzare hardware libero, un grande passo avanti per il supporto alle distribuzioni completamente libere che andrebbero scelte per chi ancora è attaccato alle vecchie Debian, Ubuntu, Gentoo che non hanno a cuore la libertà degli utenti ma solo la quantità.  Dalla nostra mailing list Graziano Sorbaioli scrive:

"Finalmente pubblico l'elenco di criteri necessari per ottenere l'appoggio
di FSF su un prodotto hardware:

http://www.fsf.org/news/endorsement-criteria

A prima vista possono sembrare restrittivi all'occhio inesperto ma se
fingete di essere un'azienda che vuole sfruttare l'appoggio di FSF per
farsi pubblicita' per poi promuovere un prodotto non completamente libero o
altri suoi prodotti vedrete che tutto torna.

E' un po' lo stesso discorso che vale per i firmware, le estensioni e gli
addon di software quali openoffice e i vari  mozilla.

Molti vedono male questa cosa delle distribuzioni completamente libere di
eliminare il "suggerimento" di cose non libere da parte di programmi
liberi. "Deve essere l'utente a decidere" dicono.

L'utente inesperto pero' si fida della distribuzione (sono nate apposta,
prima si faceva a mano) e una qualsiasi distribuzione di GNU deve garantire
come minimo lo scopo del progetto GNU.

QUESTO:
http://www.gnu.org/gnu/initial-announcement.it.html

Anche qui tutto torna se per un momento si vestono i panni di una azienda
che vuole inserire software proprietario nel nostro computer a tutti i
costi sfruttano la fama e la buona fede di un programma libero.

Questo elenco segna un importante passo avanti. 
Abbiamo distribuzioni di GNU/Linux completamente libere.

E' ora di liberare anche l'hardware."
Posted in General | 4 Comments

GNASH ha bisogno di te!

Gnash e’ un progetto di software libero che mira a fornire un’alternativa libera al proprietario Adobe Flash.

Gli sviluppatori di Gnash sono nei guai e hanno bisogno di fondi per continuare a lavorare al progetto.

Questo e’ il momento in cui puoi fare la differenza.

Il progetto Gnash accetta ora donazioni tramite Paypal. E’ possibile usare il bottone DONATE sul loro sito:

http://www.openmedianow.org/

Sappiamo che molte persone non fanno salti di gioia all’utilizzare Paypal e per questo possiamo fornire (privatamente) i dettagli bancari per effettuare un versamento.

Confidiamo che tutte le persone che ruotano attorno alla comunita’ del software libero possano donare anche una piccola somma per supportare questo progetto di software libero cosi’ importante.

Grazie per la collaborazione!

Posted in Software Libero | Commenti disabilitati

Apple: a ciascun iPhone la sua iCatena

Recentmente si è molto sentito parlare del nuovo iPhone 4G della Apple. Gli utenti I consumatori particolarmente attratti dagli scintillanti iPhone della Apple hanno finalmente potuto acquistare un telefonino che è praticamente lo stesso del modello 3G, con qualche miglioramento nel display e nella fotocamera (migliorata, doppia e con il flash) oltre, naturalmente, ad una significativa differenza di prezzo rispetto al precedente iPhone 3G.

Ciò che ha destato maggior scalpore (e polemiche) sono stati i noti problemi di ricezione e le curiose e stravaganti "soluzioni" proposte dalla Apple, dagli improbabili aggiornamenti software fino alla custodia miracolosa.

John Adams, già possessore di un iPhone 3G con relativa docking station, riferisce ora nel suo blog di una ulteriore simpatica sorpresa per i fortunati (!) possessori del nuovo iPhone 4G!

Quando John ha provato ad inserire il suo nuovo iPhone 4G nella "vecchia" docking station che aveva acquistato con l’iPhone 3G, ha scoperto che l’iPhone 4G ha una forma leggermente diversa dal 3G e non si adatta all’alloggiamento.

In prima battuta John ha acquistato un "kit adattatore dock universale" che però non ha funzionato con il "vecchio" iPhone 3G: 9 dollari buttati via (e un paio di etti di rifiuti elettronici inquinanti in più)!

Dato che i due telefonini sono molto simili e dato che il connettore dell’iPhone 4G è perfettamente identico a quello dell’iPhone 3G, John non si è perso d’animo e, armatosi di un piccolo tornio, ha provato ad "hackerare" la docking station in modo da farci entrare il suo nuovo iPhone.

Ma quando, finalmente, il nuovo iPhone 4G è "entrato" nella docking station acquistata con l’iPhone 3G, la fiducia di John nella tanto pubblicizzata attenzione di Apple per la qualità dell’esperienza degli utenti con i suoi prodotti (sic!) deve aver subito un ulteriore durissimo colpo: nulla da fare! La docking station acquistata con l’iPhone 3G funziona solo con l’iPhone 3G, nonostante utilizzi lo stesso identico connettore che presenta l’iPhone 4G…

Come riportato da John:

Apple’s modified the dock to only recognize the 3G. If you connect an iPhone 4 to that very same connector, the phone and iTunes will not recognize the phone.

L’iPhone 1G veniva venduto con la docking station in dotazione, poi non più: con i modelli 2G e 3G Apple ha smesso di fornire le docking station in dotazione ed ha iniziato a venderli separatamente: 20 dollari per il 2G e 25 dollari per il 3G. Ed ora, con l’iPhone 4G, occorrono 29 dollari…

Ma la cosa più odiosa è che queste docking station sono incompatibili fra loro a causa di incompatibilità create artificialmente dalla Apple con l’inserimento di alcuni codici occultati come resistenze inserite nel cavo o nel dispositivo!!!

A questo punto la soluzione è ovvia: basta acquistare dalla Apple una nuova docking station compatibile con l’iPhone 4G! In fondo si tratta solo di 29 dollari!

Quanti dollari in più quando uscirà l’iPhone 5G?

Posted in DefectiveByDesign | Commenti disabilitati

NO alla proposta di trattato ACTA!

ACTA è un vero e proprio tentativo di attaccare, pesantemente ed a livello globale, le libertà ed i diritti di tutte le persone e si presenta anche come una grave minaccia nei confronti del Software Libero.

Dite NO alla proposta di trattato ACTA!
Appoggiate la campagna di EFF contro ACTA!
Appoggiate la campagna della FSF contro ACTA!
Sottoscrivete la dichiarazione della FSF contro ACTA!

L’Anti-Counterfeiting Trade Agreement (ACTA) è un progetto multilaterale di "accordo commerciale anti-contraffazione" per la definizione di "standard" internazionali a favore dell’applicazione dei cosiddetti "diritti" relativi alla fantomatica proprietà intellettuale.

L’idea di creare un accordo multilaterale sulla "contraffazione" è stata sviluppata da Giappone e Stati Uniti nel 2006. Canada, Unione Europea e Svizzera hanno aderito ai colloqui preliminari che si sono svolti tra il 2006 ed il 2007. I negoziati ufficiali hanno avuto inizio nel giugno 2008, con Australia, Messico, Marocco, Nuova Zelanda, Repubblica di Corea e Singapore che si sono uniti ai colloqui.

ACTA mira a stabilire un nuovo quadro giuridico internazionale, a cui gli stati possano aderire su base volontaria, costituendo un proprio organismo di potere al di fuori delle istituzioni internazionali già esistenti, come le Nazioni Unite (ONU), la World Trade Organization (WTO) o la World Intellectual Property Organization (WIPO).

I paesi coinvolti nei negoziati hanno descritto ACTA come una risposta contro "l’aumento del commercio globale di merci contraffatte e della pirateria di opere protette dal diritto d’autore". Il campo di applicazione di ACTA è ampio e comprende le merci "contraffatte", i medicinali generici (sic!) e quella che viene definita "pirateria su Internet " ovvero la (presunta) violazione del copyright attraverso Internet.
Continue reading

Posted in Campagne, Software Libero | Commenti disabilitati